Sportello badanti dell’Ambito di Seriate: tre cose da sapere

Home » Blog Grid » Sportello badanti dell’Ambito di Seriate: tre cose da sapere

L’Ambito di Seriate, insieme alla Bottega della domiciliarità, ha creato un nuovo servizio utile per chi ha un anziano da assistere e sta cercando una assistente familiare: lo Sportello incontro badanti

Per contrastare il lavoro sommerso e irregolare, per sostenere i nuclei familiari e le persone assistite con il supporto di orientamento e consulenza, la Regione Lombardia ha varato la legge 15/2015 per qualificare il lavoro delle assistenti familiari. In linea con quella normativa, la Bottega della Domiciliarità dell’Ambito di Seriate, dopo una fase sperimentale, ha attivato lo Sportello incontro badanti, gestito in convenzione con le Acli.

In questo articolo raccogliamo tre cose da sapere su questo nuovo servizio.

  1. L’obiettivo è quello di far incontrare domanda e offerta: compito dello sportello è ascoltare le necessità delle famiglie, informarle e orientarle nella ricerca e selezione delle badanti. Come da normativa, lo Sportello tiene i registri territoriali, contenenti informazioni sugli assistenti familiari, quali le competenze, la formazione e le disponibilità orarie.
  2. Per poter essere inseriti in questi registri, la Legge regionale ha fissato dei requisiti:
    – assenza di condanne e procedimenti penali pendenti;
    – titolo di studio o formazione riconosciuto, attestato di competenza rilasciato dopo un corso apposito, esperienza certificata di almeno un anno in un Paese dell’Unione Europea con regolare contratto (almeno uno dei tre requisiti);
    – conoscenza delle basi dell’economia domestica e, se stranieri, una conoscenza elementare della lingua italiana.
  3. La ricerca è gratuita per chi vive nei comuni dell’Ambito di Seriate, a pagamento per i non residenti. Lo sportello seleziona 2/3 badanti a seconda delle esigenze delle famiglie e contatta gli interessati, per fissare un incontro in Bottega, chiamato match, tra familiari e assistenti familiari. Dopo gli incontri, la famiglia sceglie la badanti idonea. A questo punto si attiva l’assunzione che, a seconda della volontà delle famiglie, può essere seguita, a pagamento, dallo sportello.

 

Chi necessita di una assistente familiare idonea e qualificata può rivolgersi direttamente allo sportello della Bottega della Domiciliarità, aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 12:30, eccetto il mercoledì, dalle 14 alle 18. Oppure può telefonare al numero 035/0600195 per fissare un appuntamento.

Posted on